sabato 16 dicembre 2017

Augurando un sereno e felice Natale ....

Il Liceo delle Scienze Umane e Musicale
"Santa Rosa da Viterbo"

ha il piacere di invitarvi al 

CONCERTO DI NATALE 2017


Mercoledì 20 Dicembre, ore 17.30

TEATRO DELL'UNIONE 
Piazza Giuseppe Verdi, Viterbo

Vi aspettiamo!!!



martedì 5 dicembre 2017

“Siamo qui per la nostra scuola!”

Fonte TusciaWeb.eu

 

Viterbo800 studenti del liceo musicale santa Rosa a valle Faul per una speciale performance


Volere è potere. Questo il motto che ha guidato il liceo delle scienze umane e musicale “Santa Rosa da Viterbo” nel pianificare, organizzare e realizzare un’impresa forse unica fra le scuole del territorio.

800 studenti si sono dati appuntamento presso la sede centrale dell’istituto, in via san Pietro, per poi incamminarsi, con la preziosa collaborazione di uomini e donne della polizia municipale, alla volta di valle Faul per una speciale performance.
Ad attenderli, silenzioso e accogliente, c’era il “gigante” (nota opera di urban art dello scultore americano Seward Johnson): “Risveglio” dell’uomo e delle coscienze.
Il folto gruppo, condotto dal dirigente scolastico Alessandro Ernestini, si è immerso nei suggestivi tratti del nostro splendido centro storico che con i suoi suggestivi archi e i suoi profferli ha fatto da cornice al suo passaggio. I sorrisi stampati sui volti degli studenti, la loro voglia di essere “attori protagonisti” e parte integrante della propria scuola, il loro comportamento corretto ed educato ha fatto il resto.

Un drone, manovrato dal tecnico professionista del settore, Bruno Sisti, ha ripreso dall’alto scenari incredibili: dai tetti di Via Cavour, illuminati da un timido quanto invocato sole al “serpentone” dei ragazzi che ha raggiunto piazza del Comune, per poi apprestarsi alla volta del “Gigante”. Un corpo unico, un unico cuore.

“Siamo qui per la nostra scuola!” Si ringraziano tutti i docenti e il personale tecnico intervenuto, i rappresentanti d’istituto, che hanno sapientemente gestito la manifestazione, gli studenti protagonisti di questa avventura nonché il dirigente scolastico Ernestini, che ha fortemente creduto in questa opportunità.
A breve il video sarà online sui social e siti web.
Giorgia Giorgini 

sabato 25 novembre 2017

#Non una di meno … Stop alla violenza sulle donne



In molto Paesi, tra cui l’Italia, si celebra quest’oggi la Giornata contro la violenza sulle donne, istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite con la Risoluzione 54/134 del 17 dicembre 1999 allo scopo di sensibilizzare le persone riguardo tal argomento e prestare supporto alle vittime.
Viene scelto il 25 Novembre per ricordare il giorno in cui avvenne l’omicidio delle Sorelle Mirabal a Santo Domingo, le quali si opponevano al regime di Rafael Leónidas Trujillo.

Il colore della giornata è tradizionalmente l’arancione, tuttavia in Italia viene preferito l’uso del colore rosso, che si lega all’usanza popolare di abbandonare delle scarpe rosse nelle piazze per denunciare il Femminicidio, usanza introdotta dall’artista messicana Elina Chauvet.


Ma in una scuola prettamente femminile come il Santa Rosa, cosa ne pensano il nostro Dirigente Scolastico, dott. Alessandro Ernestini e la nostra rappresentante d’Istituto, Francesca Bonderasco?

“È un’occasione di profonda riflessione. La cronaca ci fornisce quotidianamente situazioni al limite dell’immaginabile che i mass media  veicolano con frequenza crescente, a volte con  dovizia di particolari raccapriccianti. Ritengo sia giusto prestare particolare attenzione a questo evento, ma contesto - mi permetto di aggiungere - il fatto che ci si ricordi del ruolo della donna solo nell’ambito di una giornata dedicata. purtroppo, duole dirlo, storicamente la figura della Donna come “sesso debole” è dominante: è stata la protagonista di soprusi e abusi fisici e psicologici che al giorno d’oggi non hanno ragione d’essere in una società che dovrebbe essere evoluta in tal senso. Pertanto, penso sia necessario un momento di riflessione, ma altresì coltivare un pensiero, un atteggiamento collettivo. E’ questo che deve cambiare.”

Così testimonia il nostro Preside, mentre Francesca Bondarenco, nostra unica rappresentante di sesso femminile, aggiunge: “Purtroppo di questi tempi il tema della violenza sulle donne è un argomento da affrontare, e non solo come ricorrenza iscritta in un calendario: ogni giorno dovremmo ricordare quanto sia sbagliato usare la forza fisica su una persona inerme. Si sente sempre più spesso di notizie di stupri, di ex compagni gelosi che, per quanto si professino innamorati, arrivano ad uccidere anche i propri figli o sfigurare il volto delle loro “amate”. Ogni giorno è un’occasione per denunciare; ogni giorno è un’occasione per dire NO alla Violenza, attraverso l’educazione soprattutto dei giovani, e costruire una società del rispetto per le persone, perché questo siamo, persone.
Comportiamoci come tali.”



Alla luce di questi pensieri mi viene spontaneo chiedere a tutte le ragazze e giovani donne che leggeranno questo articolo: “vi accontentate di una singola giornata per un tema così delicato?”
Anche nella nostra provincia si sente sempre più spesso di eventi similari al resto d’Italia: il tasso di crescita è preoccupante!
Ragazze non abbiate paura di mostrare quello che valete, non il 25 Novembre, ma tutto l’anno. Abbiate il coraggio di denunciare le violenze, se ne subite, e non abbiate paura di rimetterci la faccia per combattere in prima linea questa piaga, perché ricordate che voi tutte, senza nessuna distinzione, siete il dono più bello che all’umanità sia stato concesso.


di Francesco Lippolis

IVAE



mercoledì 4 ottobre 2017

L'Ensemble Juvenilis Armonia del Liceo musicale al Fesival barocco

Il 15 settembre scorso presso la bellissima chiesa del Gonfalone di Viterbo, l'ensemble "Juvenilis harmonia", diretto dalla prof. Bernardi Antonella, insieme con i Maestri Gino Nappo (cembalo e organo), E. Blasetti (chitarra barocca) e Cesare Mangiocavallo (percussioni barocche), ha tenuto l'ultimo dei tre concerti previsti nel cartellone del Festival Barocco 2017. Strepitoso il successo ottenuto: il folto pubblico intervenuto ha richiesto tre i bis cui si è aggiunta una inaspettata standing ovation.









martedì 22 agosto 2017

Summer music campus - II edizione di successo

Si è conclusa con eccellente successo la II Edizione del “Summer music campus” promosso dal Liceo Musicale “S.Rosa da Viterbo”, gestito in collaborazione con il Comune di Villa S.Giovanni in Tuscia e la direzione artistica dell’Associazione LiBerArmonia.

Il Campus si è svolto tra il 10 e il 29 luglio presso il Liceo Musicale; i corsi attivati, hanno visto la partecipazione di una sessantina di ragazzi provenienti non solo dal Liceo cittadino, ma dalla provincia, dal Lazio e da fuori regione, di età compresa tra i 12 e i 20 anni. Quest’anno oltre ai corsi di strumento tradizionali sono stati attivati anche i corsi di “Teoria e Solfeggio”, “Elementi di armonia”, “Composizione”, “Laboratorio corale” e “Chitarra jazz” e “Jazz groups”


Motivo di grande arricchimento è stata la presenza non solo di docenti provenienti dal Liceo di Viterbo, ma anche di docenti e concertisti di altre realtà musicali.
I ragazzi che hanno partecipato al “Laboratorio Orchestrale” hanno potuto arricchire e consolidare le proprie abilità strumentali grazie alla grande esperienza orchestrale e alla riconosciuta professionalità di elevato spessore artistico della violinista Liliana Bernardi, concertista di fama e docente di violino presso il Conservatorio Statale di Musica “Morlacchi” di Perugia.  



Gli appuntamenti musicali animati dai ragazzi, a Viterbo presso l’Auditorium e a Villa S.Giovanni in Tuscia hanno visto la presenza di un nutrito pubblico che ha dimostrato notevole apprezzamento per le kermesse concertistiche.

Di seguito i video di alcune performance.
Buon ascolto!













lunedì 5 giugno 2017

Parliamone: "Lasciami stare!"

"Lasciami stare - Storia di Francesco" è un cortometraggio sul tema della violenza realizzato dagli alunni della classe III AE del Liceo Santa Rosa nell'ambito del Progetto "Parliamone" del Dipartimento di Sostegno dell'Istituto in collaborazione con il Centro anti-violenza Erinna di Viterbo e lo SPI.